Sinergie


 

MARTA MARIOTTI


Non fermarsi mai ad ascoltare il proprio 
corpo è come andare girando per alberghi 
senza mai tornare a casa. 
 
 
Marta Mariotti 
è psicologa e conduttrice di classi di esercizi di 
bioenergetica. Ha fondato nel 2005 l' associazione Libera...Mente, che 
opera nel campo della formazione degli educatori e della prevenzione del 
disagio adolescenziale, di cui da sempre è presidente. 
 
 
E' regolarmente iscritta all'Albo degli psicologi del Lazio al n.12062.
 
 
Ha conseguito un master in psicologia scolastica ed uno in psicologia 
dello sport, ha frequentato la scuola di psicoterapia della Società Italiana 
di Analisi Bioenergetica dove ha conseguito anche il titolo di conduttore 
di classi e con cui ha mantenuto contatti e collaborazioni.
 
Collabora con le Polisportive Giovanili Salesiane e diverse scuole 
pubbliche della provincia di Roma. Tiene frequenti seminari sul ruolo 
del movimento, della consapevolezza corporea, e dell'espressione 
corporea sullo sviluppo dell'individuo e sulla percezione della qualità 
della vita.
 
“Svariati anni fa, in un raptus apparentemente scellerato, ho 
abbandonato l'idea di iscrivermi a medicina, per la meno rassicurante 
facoltà di psicologia, seguendo l'intuizione ( oggi ferma convinzione ) 
che migliorare la qualità della vita delle persone, sia più importante che 
prolungarne la durata. Nel corso degli studi ho però maturato anche la 
convinzione le persone vivono, comunicano, percepiscono attraverso il 
corpo, che diventa soggetto imprescindibile del processo 
psicoterapeutico, offrendo una quantità di informazioni e di possibilità di 
lavoro preziose e profondissime. Lavorare con le persone significa 
accogliere nella stanza di lavoro, il sorriso, la lacrima, il mattone sullo 
stomaco, il peso sulle spalle, il vuoto nella pancia, la pesantezza alla 
testa... Ad oggi, così mi trovo a trattare gastriti, coliti, difficoltà 
respiratorie, dolori articolari, cefalee frequenti, leggendo in esse il segnale 
psicofisico di un disagio che non trova altra espressione che il malessere 
fisico di un corpo che spesso ahimé può essere sentito ed ascoltato solo 
attraverso l'espediente della patologia.
 
Sono sinceramente grata a quanti coraggiosamente decidono di non 
anestetizzare questo dolore con un analgesico, ma di fermarsi, ascoltarlo, 
e cercare di comprenderne il senso. Sono fiduciosa che in esso possono 
trovare una via di salvezza, verso quello a cui tutti in fondo tendiamo: la 
felicità.
 
Sono profondamente convinta che ogni individuo abbia diritto ad una 
vita piena e felice, e che l'unica felicità reale e soddisfacente sia Anima e 
Corpo. Lavoro ogni giorno con onestà e fatica, per garantirmene una 
fetta!"

RICEVO a Roma in via Pozzuoli 7, sc.B, int.3
CONTATTI : cell. : 3470847925
                   e-mail: